INRS Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento
Cerca

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter se vuoi ricevere le ultime notizie riguardanti le attività dell' Istituto [Iscriviti]

Formazione

| perfezionamento



Formazione universitaria



Nell'ambito della formazione universitaria, l'Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento attiva stages per studenti italiani e stranieri indirizzati alla formazione di personale per la realizzazione di spogli informatici e per il trattamento digitale di testi umanistici e rinascimentali, anche in collaborazione con l'Università di Pisa.



Formazione post-universitaria

Corso di perfezionamento in Civiltà dell'Umanesimo e del Rinascimento
Il corso di perfezionamento intende innanzitutto avviare una didattica sull'Umanesimo e sul Rinascimento, volta allo studio della complessità e della ricchezza della cultura tra '400 e '600. L'interdisciplinarietà che caratterizza il corso rappresenta un valore aggiunto per la comprensione di un periodo fruttuoso per la storia della cultura italiana ed europea, ed allo stesso tempo controverso ed ancora problematico. Il colloquio assiduo tra storici, storici della filosofia e dell'arte, italianisti e archivisti  ha determinato l'organizzazione di seminari specialistici cui i borsisti sono chiamati a presenziare.
Il diploma rilasciato da tale corso è stato dichiarato, con decreto MIUR, equipollente al diploma di dottorato di ricerca rilasciato dall'Università italiana.
Corso di Perfezionamento in Civiltà del Rinascimento
Il Corso di Perfezionamento in Civiltà del Rinascimento è attivato congiuntamente dalla Scuola Normale Superiore e dall’Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento.
Si stanno affermando ormai nuove concezioni e nuove periodizzazioni del Rinascimento che consentono di guardare a questa epoca con occhi nuovi, profondamente diversi dal passato, considerandone da altri punti di vista valore, e funzione, nel processo di costruzione della civiltà universale. Alla base di questa generale trasformazione degli studi c’è, in primo luogo, l’affermazione di una visione drammatica, per certi aspetti tragica, della civiltà del Rinascimento, con un netto distacco dalle interpretazioni che hanno individuato nella "serenità", nell’"equilibrio", nella "armonia" i suoi caratteri dominanti. In secondo luogo c’è la presa di coscienza delle differenze fondamentali tra Rinascimento e "mondo moderno", connesse, a loro volta, a differenti, e talvolta opposte, opzioni ontologiche, da cui sono state generate concezioni assai diverse della politica e dello Stato, della scienza, dell’arte e della lingua. Sia sul piano interpretativo che su quello metodico ci sono dunque le condizioni per avviare un programma di lavoro sul Rinascimento originale e fortemente innovativo che si svolga nelle seguenti direzioni:

- letteratura e storia della lingua italiana, con speciale riferimento al rapporto tra letteratura e arti figurative, alla letteratura teatrale e al rapporto tra teatro e storia della musica;
- iconografia e storia dell’arte;
- filologia umanistica, filologia italiana, bibliografia testuale;
- storia, con particolare attenzione alla dimensione religiosa;
- pensiero politico;
- pensiero filosofico-scientifico.

Questi differenti ambiti di ricerca convergeranno in tre direzioni comuni:

- Individuazione dei caratteri specifici e autonomi del Rinascimento nelle varie sfere, emancipandolo dalle filosofie della storia "moderne".
- Segnalazione delle differenze tra Rinascimento e "mondo moderno", attraverso l’analisi di alcuni problemi centrali ("scienze della vita", "scienze della natura"; libro di Dio/libro della natura…).
- Messa a fuoco delle eventuali relazioni della civiltà rinascimentale con altre forme della civiltà universale a cominciare da quelle dell’Oriente (nell'accezione vasta del termine), con un nuovo approccio al problema – oggi più che mai decisivo – del rapporto tra "ragione" europea nella complessità delle sue stratificazioni, e forme di "ragione" e di razionalità elaborate in continenti, nazioni, culture che si stanno imponendo sulla scena del mondo.
E' disponibile nella sezione "Bandi" di questo sito il bando per l'anno 2015-2016.
E' disponibile nelle sezioni "Novità" (sulla homepage) e "Incontri e seminari" il Calendario didattico dell'anno accademico 2015-2016.

Borse di studio
L'Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento bandisce borse di studio finanziate da Regione Toscana e da Ente Cassa di Risparmio di Firenze.



Educational Initiatives


The Istituto, in collaboration with the Scuola Normale Superiore, has created a notable and articulated educational program focused on the PhD in Renaissance Studies. The program resumes and deepens the experience acquired in previous decades involving studies for granting the title Corso di Perfezionamento in Civiltà dell'Umanesimo e del Rinascimento, launched first in collaboration with the University of Pisa, and subsequently solely by the Istituto. The PhD fellowships are financed by the Regione Toscana and the Ente Cassa di Risparmio di Firenze. Post-graduate studies aimed at the international level are at the center of the Istituto's activities.